Per mantenere vivi i legami tra generazioni diverse anche in un momento di ‘forzata distanza’, i ragazzi dell’associazione “Ippocedro” di Imperia hanno pensato di avviare un progetto letterario rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie dal titolo “Ippocedri al telefono”, ispirato dalla famosa opera di Gianni Rodari.

Partecipare è semplicissimo! Basta chiamare i nonni, gli zii, un parente o un caro amico di famiglia, chiedendo di raccontare un aneddoto legato al passato della tua famiglia: una tradizione da ricordare, un piatto particolarmente goloso, la canzone preferita di quando era giovane, una marachella commessa da bambino o un gioco che si faceva nel passato per ingannare il tempo.

Successivamente si trasforma questa “intervista” in una breve storia e si invia all’indirizzo mail ippocedrialtelefono@gmail.com entro il 15 aprile.

L’Associazione si impegnerà a raccogliere questi racconti in un libro digitale da condividere in attesa di poter correre a riabbracciare coloro che hanno raccontato le loro “favole al telefono”.

Le eventuali offerte raccolte con la diffusione del libro digitale saranno devolute alla Croce Bianca di Imperia.

L’associazione “Ippocedro” ha la finalità di promuovere iniziative ludico-educative per ragazzi, promuovendo lo stare insieme e il riavvicinamento al territorio, ideata dal giovane Luciano Calzia ed è ora presa in mano dai genitori, dalla sorella e dagli amici per cercare di continuare a far vivere e diffondere i suoi ideali e progetti in suo ricordo.

Ecco la pagina Facebook dell’associazione https://it-it.facebook.com/ippocedro/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi